You are here
Home > Moda > Bad Deal-Collezione Autunno/Inverno 2017-18

Bad Deal-Collezione Autunno/Inverno 2017-18

La collezione “Media Surrealism” per l’Autunno/Inverno 2018 di Bad Deal, il marchio disegnato dalla scrittrice Marina Rubini e dallo street artist Zoow24, vuole far sloggiare il concetto di tempo in blocchi. Non più passato e futuro, ma solo un eterno susseguirsi di presente. Adesso: né più, né meno. Il tempo visto come una tenace illusione.

E’ una collezione che parla attraverso grafiche che ripercorrono il cambiamento di un corpo in ogni fase della sua età, mantenendo però sempre la propria struttura ossea. Ossa fatta di colori e immagini d’impatto.

Partendo da Albert Einstein e dalla sua teoria del tempo come principio di tutto, passando per l’immagine infantile di un anatroccolo ripetuto in loop e ancora per la fase dell’odio che sfocia nell’accettazione dell’effetto come conseguenza di una causa. Si cresce e si arriva allo specchio dei nostri giorni: lo schermo del cellulare. Una pizza che si fa un selfie per esprimere il paradosso del nostro mondo che non è se non è filtrato da uno smartphone. E quale città se non Tokyo per raccontare questa fuga dall’umanità? Una fuga assoluta anche contro la mediocrità che ci paralizza.

Il richiamo agli anni ’90 è, come anche nelle precedenti stagioni, sempre vivo pur non portandosi dietro nessuna nostalgia per quello che è stato. Anni ’90 con i mezzi e gli strumenti dell’adesso.

Con questa collezione i designers vogliono iniziare la corrente del Surrealismo Mediatico. Un sogno estremizzato fatto di pensieri inconsci intersecati con l’animo e con ciò che ci circonda che conduce alla creazione di figure che si distaccano dalla realtà. La definizione che viene data di surrealismo mediatico “Media Surrealism” è quella di un movimento che prende la realtà e la distorce finché la fantasia lo permette. Si creano figure fatte di segni e parole senza un apparente senso reale.

All’interno della collezione sarà presente una capsule di pochi capi scritti a mano da un talentuoso artista emergente: Red Iet. Un linguaggio immediato e compiuto che arriva dritto al punto.

I colori usati per questa terza collezione richiamano il mondo dei sogni felici. Il rosa cipria, l’azzurro polvere, il bianco latte sporcati dalle grafiche viste quasi come un risveglio deciso che ti catapulta nella realtà virtuale nella quale viviamo.

I materiali utilizzati per la collezione sono la lana e il moer per gli jaquard, il cotone e le stampe materiche , i transfer e le gomme. Il denim dipinto con materiali a base di acqua e non tossici.

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi