You are here
Home > Moda > Il Kintsugi nella SS 2018 di Gretel Zanotti

Il Kintsugi nella SS 2018 di Gretel Zanotti

L’arte di abbracciare i traumi, di non nascondere con vergogna le ferite ma esaltarle con orgoglio e fierezza, è la delicata lezione simbolica suggerita dall’antica arte giapponese del “kintsugi”, fonte di ispirazione della collezione SS 2018 di Gretel Zanotti.

Il corpo femminile, metaforicamente paragonato ad un vaso prezioso, ringrazia le sue fratture e rotture, date dalle passate esperienze, che lo impreziosiscono, ne esaltano il valore e gli permettono di rinascere in una forma completa.

La consapevolezza da parte di Gretel di una naturale e sincera bellezza interiore, da troppo tempo repressa dentro ogni donna, nutre il desiderio dirompente di esprimersi, fiorendo proprio attraverso quelle feritoie come in un’opera di Jean-Michel Bihorel.

Un corpo frantumato può rinascere quindi più bello di prima, fregiandosi delle proprie ferite, come medaglie conquistate sul campo di battaglia della vita e quello che ne emerge è pura bellezza, resilienza, rinascita, carisma.

La collezione racconta una donna Gretel Z., consapevole della propria bellezza che ostenta i suoi traumi e le sue fragilità, che hanno segnato il suo percorso di crescita e ne hanno determinato la rinascita e purificazione.

Abiti con pattern a tema Kinsugi, dipinti a mano dalla designer, riproducono fessure e rotture riempite di oro e argento, figure che richiamano i corpi femminili con crepe dalle quali irrompono temi floreali legati all’elemento acqua, fonte di vita, e applicati a mano e in rilievo come anemoni e alghe marine.
Schermata 2017-11-27 a 17.04.24

Una collezione dalle linee pulite e dai tagli netti, ormai caratteristici dello stile Gretel Zanotti, veste una donna a 360 gradi, dinamica, sicura e determinata, per tutte le 24 ore del giorno, quindi si arricchisce di abiti che vanno da pijama, agli abiti per il business fino agli abiti da sera.

www.gretelz.com

Top